Skip to content

Lipofilling al seno: quando è consigliato?

Cos’è il lipofilling al seno?

Il lipofilling al seno è un intervento di chirurgia estetica in cui che prevede l’aggiunta di tessuto attraverso l’infiltrazione di grasso prelevato dalla paziente stessa. Il tessuto adiposo viene aspirato dove è in eccesso e iniettato dopo pochi minuti nella zona che dev’essere trattata.

La tecnica del lipofilling al seno è quindi indicata per piccole correzioni alle mammelle, da attuarsi attraverso aggiunte di piccole quantità di grasso in tessuti ben vascolarizzati e non in grandi quantità, altrimenti si rischia di andare incontro ad infezioni.

lipofilling al seno

Che differenze ci sono tra lipofilling e mastoplastica?

La prima differenza fondamentale è che la mastoplastica additiva permette l’aumento del seno grazie all’utilizzo di protesi, mentre nel caso del lipofilling al seno, come abbiamo citato in precedenza, questo attraverso il grasso della paziente stessa. Quindi nel primo caso vi sarà un risultato prevedibile e stabile nel tempo, con il lipofilling i risultati si modificheranno nel corso del tempo: il grasso tenderà a riassorbirsi e sarà quindi necessario un nuovo intervento nell’arco di 3-4 mesi. Inoltre con la protesi, è possibile scegliere la taglia desiderata, mentre con il lipofilling l’aumento del seno è collegato alla quantità di grasso in eccesso della paziente, asportato sempre in quantità limitata.

lipofilling al seno o mastoplastica

Le differenze non si limitano soltanto alla metodologia ma anche al prima e al dopo e all’intervento stesso. La mastoplastica viene infatti eseguita in anestesia totale e richiede almeno una notte in clinica, a differenza del lipofilling a cui sarà sufficiente una buona sedazione, per evitare alla paziente qualsiasi tipo di fastidio.

Per quanto riguarda le cicatrici, con il lipofilling non rimarrà nulla in quanto i piccoli taglietti praticati scompariranno nel giro di pochi giorni, con l’altro intervento invece le cicatrici si posizioneranno nel solco sottomammario.

Quando fare lipofilling e quando fare una mastoplastica

Il lipofilling è accessibile solo a pazienti con accumuli di grasso corporeo in zone come cosce, fianchi, pancia, che attraverso lo stesso intervento potranno ottenere anche un rimodellamento del proprio corpo. Per le donne magre, prive di grasso, l’unica soluzione sono le protesi, non avendo grasso da poter riutilizzare.

Talvolta è possibile che mastoplastica additiva e lipofilling possano coesistere, ad esempio quando le pazienti cercano un risultato naturale, ma allo stesso tempo una maggiore pienezza della parte superiore del petto, risultato che con le protesi non può essere raggiunto. Con piccole quantità di grasso invece si può ridefinire e riempire il seno, avendo sempre un risultato molto naturale.

Infine è importante sottolineare che si tratta sempre di due interventi estetici, quindi è bene rivolgersi ad un professionista per la scelta e la cura dell’intervento stesso.