Skip to content

Lifting o liposuzione? Tecniche ed obiettivi diversi

Lifting e liposuzione: differenze sottili ma rilevanti

Il rilassamento cutaneo e la perdita di tonicità trovano come indicazione primaria il suo ritensionamento chirurgico, ossia l’asportazione dell’eccesso di cute. Il trattamento medico-estetico indicato in questi casi è il lifting, indicato per scarsa tonicità cutanea con eccesso di pelle, o dopo una consistente perdita di peso.

Il lifting spesso si associa alla liposuzione. Ma quali sono le differenze principali tra questi due interventi? Analizziamo insieme le due operazioni per cogliere differenze ed analogie.

Che cos’è la liposuzione?

La liposuzione è un trattamento chirurgico che consiste nell’asportazione di parte del tessuto adiposo attraverso una cannula aspiratrice. La liposuzione viene spesso praticata in aggiunta ad operazioni di chirurgia bariatrica, come il bendaggio gastrico od il bypass gastrico, e spesso la lassità cutanea risultante all’aspirazione di grosse quantità di adipe, come il grembiule adiposo, viene trattata con l’addominoplastica.

Le zone trattate da una liposuzione sono virtualmente tutte le zone del corpo interessate da adipe, come glutei, fianchi, gambe, braccia, addome e collo. In alcuni casi la liposuzione può essere sostituita o affiancata dalla liposcultura. Viene effettuata solitamente in anestesia generale, con ricovero.

lifting-e-liposuzione-operazione

Come viene svolto il lifting?

Il lifting è un intervento di chirurgia estetica praticato per conferire un aspetto più teso e compatto, in una parola ringiovanito, alla pelle. Pur potendo essere virtualmente applicato a qualsiasi parte del corpo (ad esempio con la mastospessi), il lifting è un intervento più spesso praticato al viso (face lifting) per contrastare le tipiche rughe d’espressione che compaiono negli anni.

Nel lifting del volto si effettuano delle incisioni chirurgiche all’altezza del cuoio capelluto, se le rughe sono concentrate nella parte superiore del viso, oppure dietro le orecchie, se è invece la parte inferiore del viso ad essere maggiormente interessata dalle rughe. Grazie a tali incisioni, la pelle interessata viene rimessa in tensione. Il risultato è la scomparsa delle rughe, con una pelle che appare più tesa, compatta e giovane.

Il lifting è un intervento chirurgico che si può effettuare sia con anestesia locale con sedazione profonda (in regime di day hospital), sia in anestesia generale, con ricovero.

Ma il lifting non viene svolto solo per eliminare le rughe del viso. Il Lifting delle braccia e delle cosce è la giusta soluzione per eliminare l’eccesso cutaneo e adiposo compreso tra l’ascella e il gomito e nella parte alta della gamba e recuperare la tonicità della pelle.

Con una piccola incisione si può aspirare il grasso in eccesso, sia nella parte interna che in quella posteriore dell’arto. Questa tecnica è un vero e proprio lifting, ma con una cicatrice di dimensioni ridotte e non eccessivamente visibile.

lifting-e-liposuzione-studio

Quali sono le principali differenze tra lifting e liposuzione

La liposuzione ed il lifting sono interventi molto diversi, che hanno obiettivi diversi.

La liposuzione serve per eliminare gli accumuli adiposi localizzati (di solito in zone come addome, glutei e fianchi) tramite cannule aspiratrici inserite attraverso la pelle, invece il lifting serve per rimettere in tensione le pelle e farla apparire più tonica e senza rughe, tramite incisione chirurgica e rimessa in tensione della cute.

I due interventi possono essere complementari: ad esempio dopo una liposuzione alle braccia, è possibile effettuare un lifting delle braccia per rimettere in tensione la pelle in eccesso e poco tonica risultante dallo svuotamento del grasso. Dopo una liposuzione all’addome è possibile effettuare un lifting dell’addome, cioè una addominoplastica o una mini addominoplastica.