Skip to content

Come eliminare le cicatrici con la medicina estetica

Come la medicina può eliminare le cicatrici?

Gli interventi chirurgici lasciano cicatrici sul corpo, le quali possono anche essere causate da malattie ed incidenti che possono accadere nel corso della vita. La maggior parte delle persone operate deve però convivere con le tracce dell’operazione sulla propria pelle.

Queste cicatrici possono riguardare zone esposte a tutti, come le proprie mani o il proprio viso; altre volte queste pur non essendo visibili, condizionano ugualmente la vita di una persona.

Tuttavia oggi non esistono tecniche per eliminare completamente le cicatrici, ma grazie alla medicina moderna estetica è possibile, attraverso trattamenti, avere dei miglioramenti.

eliminare cicatrici

Trattamenti di medicina estetica per eliminare le cicatrici

Le tecniche maggiormente utilizzate per la correzione delle cicatrici sulla pelle sono il laser e l’iniezione di cortisone. Sono entrambe tecniche non invasive e che offrono grandi vantaggi. Entrambe possono essere praticate infatti senza ricovero e nessuna delle due comporta decorsi post-operatori. Non trattandosi però di interventi non è possibile, né con il laser né con le iniezioni di cortisone, ottenere il risultato sperato in una sola seduta. In base al tipo di cicatrice, alla posizione e al suo aspetto, verrà individuato il numero di trattamenti necessari per ottenere il migliore dei risultati.

La laser-chirurgia è una terapia moderna, che interviene con grande precisione, non creando disturbo ai tessuti circostanti ed è indolore. Lavora con buoni risultati anche sulle smagliature, le lesioni che colpiscono la pelle in fase di crescita o in seguito a variazioni di peso.

La laser-chirurgia è efficace in casi di cicatrici:

  • da acne, legate quindi all’apparizione di brufoli, principalmente collocati nel viso;
  • ipertrofiche, ovvero in rilievo;
  • cheloidi, la cui estensione va oltre la ferita che l’ha originata.

eliminare cicatrice

Quali cicatrici è possibile trattare?

Prima di procedere con trattamenti di medicina estetica su qualsiasi cicatrice è necessario che uno specialista di chirurgia estetica valuti la natura, la consistenza, la forma e il colore della cicatrice stessa.

A questo controllo va poi aggiunta un’analisi della zona del corpo su cui intervenire e un quadro delle condizioni del paziente per verificare la presenza di patologie che possono favorire o sfavorire il processo di cicatrizzazione.

A seguito di un intervento chirurgico si possono formare vari tipi di cicatrice:

Cicatrici fisiologiche

Queste si dividono in cicatrici immature, che si formano nei primi mesi dell’intervento, di colore rosso e dolenti. Queste possono essere lavorate per prevenire la formazione di una cicatrice patologica e in cicatrici mature, che si formano circa un anno dopo dall’intervento. Queste ultime sono piatte e di colore chiaro e trattandosi di cicatrici stabili, non possono essere eseguiti trattamenti per migliorarle.

Cicatrici patologiche

Queste si dividono in cicatrici ipertrofiche, di colore rosso e dolenti e in cheloidi, un tipo di cicatrice rilevata, che si estende oltre la ferita originaria. È necessario contattare al più presto il chirurgo per iniziare il trattamento quando questo tipo di cicatrice compare. 

Categorized: Estetica Corpo