Skip to content

Cosa sono i lipomi e come intervenire per asportarli

Si tratta di inestetismi molto diffusi, ma generalmente assolutamente benigni. Oggi vediamo cosa sono i lipomi e come sia possibile trattarli.

Se avete notato delle piccole palline dure sotto cutanee è opportuno, per prima cosa, consultare il vostro medico di fiducia, ma in linea di massima mi sento di tranquillizzarvi: potrebbe trattarsi di un semplice lipoma. In questo articolo quindi approfondiamo meglio cosa sono i lipomi e come sia possibile trattarli chirurgicamente.

Si tratta per lo più di protuberanze benigne della pelle che possono essere agevolmente asportate chirurgicamente. Vediamo come, procedendo con ordine.

Cosa sono i lipomi

Il lipoma è un tumore adiposo, fortunatamente quasi sempre benigno. Si tratta di un accumulo di grasso, che può trovarsi sia a livello dell’epidermide sia più in profondità nei tessuti sottostanti.

 

Esistono diversi tipi di lipoma, a seconda delle specifiche caratteristiche possiamo distinguerli:

  1. per posizione: a seconda che siano superficiali (cioè crescono sottopelle) oppure profondi (hanno origine nei tessuti più stratificati);
  2. per dimensioni: distinguiamo tra piccoli, medi, grandi e giganti.
  3. per funzionalità, a seconda che si tratti di una problematica di natura esclusivamente estetica o che impatti sulla qualità della vita del paziente.
  4. per densità: può essere vuoto, se formato da solo adipe, oppure pieno, se pieno di pus dunque infetto.

Come riconoscere un lipoma?

Il lipoma si presenta come una protuberanza, più o meno profonda e più o meno grande, che si vede ad occhio nudo e può svilupparsi in qualsiasi area del corpo. Trattandosi, come abbiamo visto, di un tumore benigno della pelle ne conserva tutte le caratteristiche, che il medico (di base o dermatologo) individuerà facilmente:

  • mobilità al tatto, quindi, anche se molto denso, toccandolo non resta fermo e duro ma è manipolabile;
  • forma generalmente regolare;
  • spesso dolorabilità soprattutto se toccato;
  • in alcuni casi può infiammarsi, specie se è in una zona critica dove viene spesso stressato dai movimenti o dai vestiti.

Come vengono trattati chirurgicamente i lipomi?

I lipomi hanno, nella maggior parte dei casi, un decorso benigno ed una progressione molto lenta per cui non è sempre necessario asportarli. Tuttavia, laddove siano di grandi dimensioni oppure si collochino in zone “scomode” o, peggio ancora, dolorose, è opportuno intervenire chirurgicamente.

L’escissione di un piccolo/medio lipoma è, generalmente, un intervento molto semplice. Si esegue in modalità ambulatoriale, dura pochi minuti e, subito dopo, il/la paziente può tornare a casa. Si tratta semplicemente di incidere vicino alla protuberanza e premere con le dita finché la pallina di grasso non sale in superficie e viene estratta facendola passare, appunto, dalla piccola incisione.

Invece, un lipoma di grandi dimensioni richiede un intervento più complesso, nonostante la tecnica chirurgica sia comunque la stessa. Nel caso di lipomi grandi è possibile che servano più incisioni e che la protuberanza adiposa vada frammentata in più parti per poterle estrarre agevolmente. L’operazione per eliminare il lipoma:

  • Viene eseguita in anestesia locale.
  • Non necessita di ricovero.
  • Non ha particolari controindicazioni quindi è molto difficile che venga sconsigliata a qualcuno per ragioni di pericolosità.
  • Richiede un follow-up minimo, generalmente solo una visita di controllo qualche giorno dopo l’intervento.
  • Ha una convalescenza e guarigione piuttosto veloci. Un paio di giorni in caso di piccoli lipomi, al massimo una decina in caso di protuberanze giganti.